lunedì 31 ottobre 2016

ITALIA IN LUTTO

Un grave lutto, il caos insieme alla calma, al silenzio, al vuoto.

Mancano voci, mancano ricordi, mancano presenze, mancano affetti.

Perdono importanza fatti e cose che fino a ieri sembravano indispensabili ed essenziali, si torna con la mente a cercare il significato più profondo dell'esistenza.

Con lo sguardo inquieto, incapace di fermarsi su un oggetto specifico, si vaga alla ricerca di qualcuno, di qualcosa che faccia ritornare alla vita e ci faccia uscire da quella calma vuota per avere di nuovo una speranza.


Queste frasi le ho scritte dopo il terremoto avvenuto a  L'Aquila nel 2009 e purtroppo tornano ancora ad essere attuali.
L'Italia  è situata su un territorio a forte impatto sismico, i  terremoti si susseguono negli anni e provocano distruzione e lutti.
Sembra che la tecnologia non possa aiutare le nostre popolazioni in alcun modo, non sono un tecnico, ma guardando altrove,  probabilmente non  è proprio così.
Visto, che comunque dobbiamo convivere con questi fenomeni , sarebbe ora che si cominciasse  a chiedere aiuto alla teconologia, almeno per mitigare gli effetti devastanti di queste manifestazioni naturali.

VIENNA - taccuino di viaggio