'I think I could turn and live with animals, They are so placid and self contained, I stand and look at them long and long. They do not sweat and whine about their condition, They do not lie awake in the dark and weep for their sins, They do not make me sick discussing their duty to God, Not one is dissatisfied, not one is demented with the mania of owning things, Not one kneels to another, nor to his kind that lived thousands of years ago, Not one is respected or unhappy over the whole earth'.
(Walt Whitman Leaves of Grass)

Nella silenziosa pratica del disegno risiede la chiave per accedere al senso del mondo e delle cose (John Berger)

giovedì 25 aprile 2019

TACCUINI DI VIAGGIO...DISEGNI E ACQUERELLI


TACCUINI DI VIAGGIO... DISEGNI E ACQUERELLI
3 - 24 maggio 2019
Laboratorio

Il laboratorio è tenuto da Angela Maria Russo, autrice di numerosi sketchbook realizzati in viaggio per l'Europa e l'America. 
Il laboratorio è riservato agli adulti e aperto, previa prenotazione, a un massimo di 10 persone.
Per prenotarsi è necessario essere iscritti alle Biblioteche di Roma.
Il corso si terrà i venerdì 3, 10, 17 e 24 maggio, dalle ore 16.30 alle ore18.30, presso la “Sala corsi” (1° piano).
Gli iscritti al laboratorio dovranno munirsi dei seguenti materiali didattici:
- Matite H - HB – B;
- carta per acquerelli grana fine o cold pressed 300gr.;
- pennelli sintetici a punta con manico corto (n. 2/6/8/10);
- colori Cotman (scatola da 12 colori).
Per chi desidera comprare godet sfusi, si consigliano questi colori: verde vescica, alizarina, rosso cadmio, giallo cadmio, giallo limone, indaco, seppia, terra di Siena bruciata, ocra, nero, blu di Prussia e viola.




giovedì 18 aprile 2019

RITI SETTIMANA SANTA - ITALIA DEL SUD


Un taccuino di viaggio fatto alcuni anni fa durante la "Settimana Santa" al paese della mia famiglia in Puglia, Francavilla Fontana.
©Angela Maria Russo - acquerelli

venerdì 22 marzo 2019

MONDI PARALLELI




MONDI PARALLELI

di Angela Maria Russo

Presso la Biblioteca Comunale G. Marconi una nuova mostra del gruppo romano PHOTOUP, questa volta dedicata al MAAM il Museo Abitato.
Una mostra molto interessante, non ero mai riuscita a visitare il MAAM e quindi per me è stata l’occasione per poter conoscere questo luogo attraverso gli scatti dei bravissimi fotografi.
Per aprire la mostra è stata scelta una foto che raffigura un esercito, dipinto dall’artista Stefania Fabrizi, che sembra stia lì a controllare e difendere il luogo da influenze negative, pregiudizi e “benpensanti” stereotipati e giudicanti.
Dalle foto in esposizione emerge la realtà di questo luogo che, da desolato sito dell’abbandono, è diventato luogo di incontro e di condivisione di esperienze.
L’edificio è abitato da numerose famiglie che vivono come possono in questa struttura resa magica dai mille artisti che da qui sono passati, si sono fermati e sono ripartiti lasciando agli abitanti il loro messaggio.
Troviamo animali, persone e personaggi che si muovono in una specie di danza. Bambini che attraversano tranquilli, in bicicletta, le stanze piene di graffiti. Raggi di sole che catturano momenti sereni e creano così atmosfere meditative e sognanti. Costellazioni dipinte su cieli blu che raccontano il mondo e il suo divenire facendo sperare in un futuro più rassicurante e gioioso.
Occhi magnetici di gatti, spiritelli indomiti come solo i gatti sanno essere, che sembrano controllare e difendere sia i volti dipinti che quelli reali dei bambini e degli adulti che insieme a loro vivono.
Giochi di bimbi insieme a scarpe per tutti i giorni e a scarpe rosse che denunciano violenze e sottomissioni.
Stanze e cortili, che ricordano le scatole cinesi, con una sorpresa in ognuna di esse.
Colori e forme dappertutto, segni appena accennati, altri invece decisi. Colori accesi e sfolgoranti che ricordano il fuoco, la sua luce e il suo calore. Bianco e nero, che rendono il segno freddo e determinato. Panni stesi colorati che diventano, a loro volta, opere d’arte nel momento che vengono catturati e resi eterni dall’obiettivo.
Stanze decorate con favole per bambini che, come tutti i bambini del mondo, cercano storie. Una “Pietà” abbandonata che fa pensare alle tragedie del mondo. Una porta che per sottolineare il suo ruolo lo ricorda con la scritta “casa” dando così dignità ai suoi abitanti dei quali ritroviamo la vita che scorre nei panni stesi appena fuori di quella porta.
E una bacinella azzurra come il mare piena di panni da lavare e di ricordi.
Per finire sopra ad un tavolo occupato da giochi di bimbi, dietro la finestra le nuvole bianche e morbide, che sembrano uscite da un quadro di Magritte, abbelliscono la foto, creando un sogno e una speranza. Nel vetro un piccolo foro e forse da lì si potrebbe tenere il filo di un coloratissimo aquilone che volerebbe libero. Così come sognano di volare liberi i personaggi, abitanti fissi oppure di passaggio, di questa complicata struttura, piena di mondi paralleli che per una sorta di alchimia si sono incontrati, dimostrando così che un’altra via è possibile.

MAAM – Museo dell’Altro e dell’Altrove di METROPOLIZ città meticcia, Roma.